3 errori da evitare nel vegan crudismo

3 errori da evitare nel vegan crudismo3 errori da evitare nel vegan crudismo

Sei riuscito ad abbandonare tutti i prodotti animali?

Complimenti, hai fatto un passo importante. Ora scopri i 3 errori da evitare nel vegan crudismo!

Hai cambiato la tua vita in meglio, nel corpo, nella mente e nello spirito in un colpo solo.

Se ti servono ulteriori motivazioni le trovi anche nell’articolo  Stai prendendo in mano la tua vita o stai solo seguendo la corrente?

Se ti stai orientando verso il vegan crudismo felice ma senti che ci sono ancora degli aspetti poco chiari nella tua nuova alimentazione, niente paura, sono gli errori più comuni nei quali incorre la maggior parte delle persone. Ecco quali sono i 3 errori da evitare nel vegan crudismo:

1. Ricercare affannosamente le proteine

Ecco il primo e madornale dei 3 errori da evitare nel vegan crudismo.

3 errori da evitare nel vean crudismoUna delle cose più difficili da comprendere è l’inutilità e anzi il danno dell’assumere troppe proteine, seppure vegetali.

In effetti siamo tutti cresciuti col mito della fettina di carne come alimento indispensabile, mattoni per costruire i nostri muscoli, ci è stato sempre detto.

La carne non crea carne, infatti elefante e gorilla non devono mangiare carne per sviluppare e nutrire i loro muscoli, e in natura gli animali dotati di grandi masse muscolari non sono carnivori.

Nè tanto meno le mucche devono bere “tanto buon latte” per produrre latte.

Essendo l’uomo frugivoro, come testimoniano tantissime ricerche scientifiche, trova tutto quello che gli serve (anche le proteine!) in frutta, verdura, bacche, radici, tuberi, cereali, legumi, frutta secca e semi oleosi.

Come spiego nel mio post Servono davvero tante proteine? in realtà abbiamo bisogno solo di 20-24 grammi di proteine al giorno (11 gr. per i bambini), raggiungibili comodamente con il vegan crudismo felice.

Oltre questa quantità il corpo subirà inevitabilmente una acidificazione dei tessuti, e dovrà fare un super lavoro per riportare la necessaria alcalinità.

Nessuna ricerca spasmodica delle proteine dunque: quelle indispensabili sono ovunque.

  1. Rivolgersi ai prodotti industriali per vegani

Il secondo dei 3 errori da evitare nel vegan crudismo è la continuazione di quello precedente.

Rivolgersi ai prodotti industriali per vegani, anziché a frutta, verdura e cereali integrali, fa quasi cadere dalla padella nella brace, per quanto riguarda l’acidificazione del nostro corpo.

Tofu

Tofu

Seitan

Seitan

 

 

 

 

Queste proteine vegetali non sono pericolose come quelle animali, ma proprio per questo non fanno accendere nessuna spia di allarme nella nostra coscienza, e rischiamo di consumarne davvero davvero troppe.

Il rischio è quello di avere l’organismo perennemente in acidificazione e quindi intossicato.

Ho assistito spesso a una predilizione di persone vegane, per tutti i prodotti industriali a base di soia e seitan, e quindi iperproteici.

Il seitan in particolare è composto di solo glutine di frumento, una colla la cui dannosità per i villi intestinali è seconda solo alla caseina.

Questi prodotti sono spesso presentati come “sostituti” di latte, carne, hamburger, yogurt, budini, addirittura wurstel.

E’ come se l’evidenza dei fatti non venisse colta, se il 2 più 2 fa 4 dell’alimentazione fosse di impossibile soluzione anche fra le persone più attente alla propria nutrizione.

L’evidenza è che non si sostituiscono alimenti che non sono adatti all’essere umano!

  1. Non sperimentare nuove e golose qualità di frutta

Il terzo dei 3 errori da evitare nel vegan crudismo  è un errore che osservo fare spesso.

3 errori da evitare nel vegan crudismo

Le persone hanno ben compreso la necessità di adottare un sistema di alimentazione vegan crudista, ciò nonostante mi chiedono continuamente quali sono le alternative e, se rispondo per l’ennesima volta frutta e verdura, mi guardano come se non avessi capito la domanda.

In realtà per troppi anni la frutta è rimasta relegata a rinsecchire in un triste portafrutta messo lì per decorare il tavolo.

Rassegnata ad essere considerata poco più che un soprammobile che non avrebbe ingolosito nessuno, mentre il cibo vero era ben altro.

Così tante persone continuano a rivolgersi alle solite mele anche in piena estate, quando il frutto è già stato raccolto da quasi un anno e a fatica conserverà qualche vitamina.

image

Oppure nessuno si fa mancare le onnipresenti banane, ottime certo, ma non possono sostituire in toto la frutta più succosa e acquosa, ricca di quel liquido biologico fresco che ci fa veramente bene carico di vitamine ed enzimi benefici.

Via libera alla sperimentazione di tutta la frutta di stagione, che deve stuzzicare il nostro appetito e la nostra golosità.

Non facciamoci mai mancare le nostre 5 porzioni al giorno, 3 al mattino e 2 al pomeriggio. Più variamo e meglio sarà!

image

E’ logico che chi non è abituato a mangiare tanta frutta, dovrà iniziare ad inserirla gradatamente, per riabituare il proprio apparato digerente, e per ottenere un colon pulito e non intasato.

La frutta non necessita di digestione, a condizione di essere consumata a stomaco vuoto, e nelle giuste combinazioni, altrimenti può fermentare, dando gonfiori e dolori.

Per quanto riguarda le preziose verdure a foglia o la frutta dell’orto non dolce come peperoni, zucchine, melanzane, pomodori ecc. sono state per anni sminuite nell’umiliante ruolo di “contorno” di piatti sanguinolenti.

Le verdure vanno consumate sempre come apertura del pasto.

Per entrambe è giunto il momento di sdoganarle e assegnarle il ruolo che gli spetta di diritto: quello di regine della nostra alimentazione e dei nostri pasti.

Ricapitoliamo i 3 errori da evitare nel vegan crudismo, nella tua nuova e preziosa alimentazione:

  1. Ricercare affannosamente le proteine
  2. Rivolgersi ai prodotti industriali per vegani
  3. Non sperimentare con nuove e golose qualità di frutta

Spero che questi consigli ti siano utili per decollare definitivamente con la tua nuova alimentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo con i familiari e gli amici interessati. Unisciti anche tu al Blog del VeganCrudismo Felice, inserendo la tua mail in alto a destra, così da non perderti i prossimi articoli.

Fammi sapere che cosa ne pensi lasciandomi un commento qui sotto, oppure aiutami a far crescere il blog condividendo su Facebook, Twitter e Google+.

Ciao a presto

Naturopata  Sandra Soncin

2 pensieri su “3 errori da evitare nel vegan crudismo

  1. Arianna

    Veramente interessante questo articolo, il problema delle proteine è sempre stato un mio cruccio. Grazie a te ora orienterò meglio le mie ricerche.

    Replica

Rispondi